unionevaldera@postacert.toscana.it
Unione Valdera

Bientina | Buti | Calcinaia | Capannoli | Casciana Terme Lari | Fauglia | Palaia | Pontedera


Username:[]
Password:[]
[]

CORONAVIRUS. Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Ristori

28-10-2020   

Pubblicato in Gazzetta Ufficale il Decreto Ristori "Ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese, giustizia e sicurezza, connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19 (decreto-legge)"

Al seguente link il comunicato stampa del Consiglio dei Ministri

Di seguito le principali misure introdotte.

Contributi a fondo perduto 

Le imprese dei settori oggetto delle nuove restrizioni, con Partita IVA (attivata prima del 25 ottobre 2020) che dichiarano di svolgere come attività prevalente una delle attività di cui ai codici ATECO dell’Allegato 1 (attività sospese o parzialmente sospese).

Il Ministro dello Sviluppo Economico può individuare ulteri Codici Ateco riferiti ad attività da finanziare.

La platea dei beneficiari includerà anche le imprese con fatturato maggiore di 5 milioni di euro (con un ristoro pari al 10 per cento del calo del fatturato). Potranno presentare la domanda anche le attività che non hanno usufruito dei precedenti contributi, mentre è prevista l’erogazione automatica sul conto corrente, entro il 15 novembre, per chi aveva già fatto domanda in precedenza.
L’importo del beneficio varierà dal 100 per cento al 400 per cento di quanto previsto in precedenza, in funzione del settore di attività dell’esercizio

 Calcolo del contributo

Occorre paragonare il fatturato del mese di aprile 2020 con quello di aprile 2019; se la riduzione è maggiore di 2/3 si ha un contributo commisurato alla perdita mese su mese sulle 2 annualità.

Seguira decreto dell’Agenzia delle Entrate che stabilirà le modalità telematiche

 Proroga della cassa integrazione

Vengono disposte ulteriori 6 settimane di Cassa integrazione ordinaria, in deroga e di assegno ordinario legate all’emergenza COVID-19, da usufruire tra il 16 novembre 2019 e il 31 gennaio 2021 da parte delle imprese che hanno esaurito le precedenti settimane di Cassa integrazione e da parte di quelle soggette a chiusura o limitazione delle attività economiche.

È prevista un’aliquota contributiva addizionale differenziata sulla base della riduzione di fatturato.

La Cassa è gratuita per i datori di lavoro che hanno subito una riduzione di fatturato pari o superiore al 20%, per chi ha avviato l’attività dopo il 1° gennaio 2019 e per le imprese interessate dalle restrizioni.

Esonero dal versamento dei contributi previdenziali

Viene riconosciuto un esonero dal versamento dei contributi previdenziali ai datori di lavoro (con esclusione del settore agricolo) che hanno sospeso o ridotto l’attività a causa dell’emergenza COVID, per un periodo massimo di 4 mesi, fruibili entro il 31 maggio 2021

La Sospensione riguarda i versamenti dovuti nel mese di novembre 2020 , in relazione alle imprese che eseritano come attività prevalente una di quelle di cui ai codici ATECO dell’allegato 1

 Il pagamento di quanto sospeso dovrà essere effettuato senza sanzioni e interessi in una unica soluzione entro 16 marzo 201 o mediante rateizzazione , fino ad un massimo di 4 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 marzo 2021

Il mancato pagamento di 2 rate anche non consecutive comporta la decadenza dal beneficio della rateizzazione

Credito d’imposta sugli affitti di immobili ad uso non abitativo e affitti di azienda 

Le imprese della tabella dell’allegato 1 per il mese di ottobre, novembre e dicembre hanno la possibilità di ottenere un credito di imposta per locazione di immobili ad uso non abitativo e affitto di azienda

Cancellazione della seconda rata IMU

Non è dovuta la seconda rata dell’imposta municipale propria (IMU) per i prorietari che sono anche gestori degli immobili e relative pertinenze in cui si esercita una delle attività indicate nella tabella di cui all’allegato 1

Nuova indennità per i lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali e dello spettacolo

 Coloro che beneficiavano già dell’indennità è erogata a loro favore la stessa indennità di 1000 euro

dipendenti stagionali e lavoratori in somministrazione del settore del turismo e degli stabilimenti termali , a condizione che:

-abbiano cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il 1 gennaio 2019 e la data di entrata in vigore del presente decreto ( 29.10.20)

-abbiano svolto la restazione lavorativaper almeno 30 giornate nel medesimo periodo

-non devono essere titolari di pensione , nè di rapporto di lavoro dipendente, nè di NASPI dalla data di entrata in vigore del presente decreto

 E’ riconosciuta una indennità di 100 euro, nel rispetto di quanto previsto all’art. 15 del decreto legge, anche per

 -i lavoratori dipendenti e autonomi che hanno cessato, sospeso, o ridotto la loro attività o il loro rapporto di lavoro

-lavoratori dipendenti stagionali appartenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimeti termali che hanno cessato involontariamente il loro rapporto di lavoro tra il 1 gennaio 2019 e la data di entrata in vigore del decreto ed hanno svolto in tale periodo almeno 30 gg di lavoro

-i lavoratori intermittenti (artt. 13 e 18 D.lgs n.8172015) che hanno svolto almeno 30 gg lavorativi tra il 1 gennaio 2019 e la data di entrata in vogore del decreto-legge

-i lavoratori autonomi, senza partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligarorie che tra il1 genaio 2019 e la data di entrata in vigore de presente decreto siano stati titolari di contratti autonomi occasionali e che non hanno un contratto in essere alla data di entrata in vigore del decreto;

-incaricati alle vendite a domicilio (art.19 D.Lgs. 114/1998)

-lavoratori dipendenti a tempo determinato del settore del turismo e degli stabilimenti balneari

-lavoratori iscritti al Fondo pensioni lavoratori dello spettacolo

Rimborso dei titoli di acquisto di biglietti per spettacoli dal vivo

E’ rifinanziato fino al 31 gennaio 2021. Quinidi chi dal 24 ottobre al 31 gennaio aveva acquisto un bigietto per gli spettacoli dal vivo può chiedere un voucher o il rimborso della spesa sostenuta

Misure per filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura

Contributo a fondo perduto, nel limite complessivo di 100 milioni di euro per l’anno 2020

 Con successivo decreto ministeriale sarà definita la platea dei beneficiari e i criteri per usufruire dei benefici

Fondo per il sostegno delle associazioni e società sportive dilettantistiche

 La norma intende garantire un adeguato supporto economico in favore delle associazioni e società sportive dilettantistiche che hanno subito le misure interdittive disposte dal DPCM 24 ottobre 2020, consentendo il rifinanziamento degli interventi di sostegno adottati negli scorsi mesi, tenuto conto del servizio di interesse generale da esse svolto per la collettività e in particolare per le comunità locali e per i giovani

 Sospensione delle procedure esecutive immobiliari nella prima casa (sfratti e pignoramenti)

 Sospensione delle procedure fino al 31 Dicembre 2020

Reddito di emergenza

A tutti coloro che ne avevano già diritto e a chi nel mese di settembre ha avuto un valore del reddito familiare inferiore all’importo del beneficio verranno erogate due mensilità del Reddito di emergenza

Esonero contributivo a favore delle filiere agricole, della pesca e dell’acquacoltura

 Esonoro dai contributi previdenziali e assistenziali per la mensilità di novembre 2020.

Nel beneficio sono ricomprese le aziende produttrici di vino e birra, gli imprenditori agricoli professionali, i coltivatori diretti, i mezzadri e i coloni.

 L’INPS effettuerà le verifiche in oprdine allo svolgimento da parte dei contribuenti delle attività identificate dai codici ATECO, nell’ambito delle filiere

 Disposizioni a favore dei lavoratori sportivi

 Per coloro che operano presso il CONI, il CIP e le Federazioni è erogata per il mese di novembre una indennità pari a 800 euro.

 La domanda dovrà essere presentata entro il 30 novembre su piattaforma informatica

Proroga del termine per la presentazione del modello 770 al 10 dicembre 2020

 

CONSULTA IN ALLEGATO LE SLIDES DI ANCI e del GOVERNO

 

 

Allegato ANCISlide_Decreto_Ristori (882,59 KB)
Allegato decreto_ristori_slide (3,23 MB)

Tags: -