unionevaldera@postacert.toscana.it
Unione Valdera

Bientina | Buti | Calcinaia | Capannoli | Casciana Terme Lari | Fauglia | Palaia | Pontedera


Username:[]
Password:[]
[]

Lavorare all'estero: borse di mobilità professionale per disoccupati o inattivi

23-11-2017   

Dal sito della regione Toscana 
Borse di mobilità EURES. Por Fse 2014-2020. Mobilità professsionale

Lavorare all'estero: borse di mobilità professionale per disoccupati o inattivi

mercoledì, 10 maggio 2017 09:00
giovedì, 31 dicembre 2020 23:59


Modifiche e integrazioni del bando rivolto a cittadini dei Paesi europei residenti in Toscana,  disoccupati o inattivi. Finanziamento di borse di mobilità professionale per svolgere lavoro o apprendistato (500 euro mensili) o tirocinio non curriculare (750 euro mensili). La borsa ha un importo massimo di 5mila euro, erogati in mensilità, da un minimo di 3 ad un massimo di 6 a seconda della durata dell'attività svolta (lavoro, apprendistato o tirocinio). Oltre alla borsa sono erogate un massimo di 500 euro per spese di viaggio e di 1500 euro per eventuale corso di lingua o di formazione. Domande via pec o interfaccia web Apaci a partire dall'11 maggio. Al via la campagna di comunicazione FAI UN'ESPERIENZA DI LAVORO IN EUROPA


La Regione Toscana, con decreto dirigenziale 5264 del 21 aprile 2017, ha approvato e pubblicato il bando per la concessione di borse di mobilità Eures al fine di promuovere l'occupazione e migliorare la qualità e l'efficacia dei servizi per il lavoro attraverso il consolidamento della rete Eures che opera anche in Toscana con consiglieri e assistenti.Il bando punta infatti a sostenere la mobilità professionale di persone disoccupate interessate a lavorare in un paese dell'Unione Europea o dell'EFTA (Norvegia, Islanda, Liechtenstein, Svizzera) diverso da quello di residenza. Il bando è stato modificato con decreto dirigenziale n. 11428 del 28/07/2017 e successivamente con decreto n. 16431 del 3 novembre 2017:

E' attiva, anche sul web istituzionale, una campagna di comunicazione sul bando, per facilitarne la divulgazione al grande pubblico


Il bando è cofinanziato dal Programma operativo regionale (Por) del Fondo sociale europeo (Fse) 2014-2020 nell'ambito dell'asse A Occupazione  ed in particolare dell'obiettivo a.5.1 "Migliorare l'efficacia e la qualità dei servizi per il lavoro" . La Regione ha approvato gli elementi essenziali del bando con la delibera di Giunta regionalne n. 368 del 10 aprile 2017.


DestinatariPossono presentare domanda di finanziamento per la borsa di mobilità professionale persone fisiche in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere cittadini dell'Unione Europea e residenti in Toscana
  • aver compiuto 18 anni
  • esser disoccupati ai sensi del d.lgs. 150/2015, iscritti ad un Centro per l'impiego della Toscana, oppure inattivi (es. studente) prima della stipula di un contratto di lavoro/tirocinio/apprendistato in un paese dell'Unione europea diverso da quello di residenza. Nel patto di servizio personalizzato ai sensi del D.lgs 150/2015 dovrà essere indicata l'azione "Servizi Eures";

  • essersi recati presso un Centro per l'impiego della Toscana per la verifica dei requisiti e per l'aggiornamento del Patto di servizio con l'azione "Servizi Eures";

  • essere in possesso del contratto di lavoro/tirocinio/apprendistato o della lettera di impegno del datore di lavoro alla stipula del contratto in un paese dell'Unione europea o dell'EFTA diverso da quello di residenza. Il contratto o la lettera di impegno devono riferirsi ad un'offerta di lavoro/apprendistato/tirocinio in un paese dell'Unione Europea o dell'EFTA diverso da quello di residenza, individuata tramite il portale Eures, oppure tramite altri canali o piattaforme, oppure  attraverso una ricerca autonoma di lavoro. Il contratto di lavoro/tirocinio/apprendistato dovrà avere una durata non inferiore a tre mesi. In caso di possesso della lettera di impegno il contratto di lavoro/tirocinio/apprendistato dovrà essere avviato entro quattro mesi dalla data di approvazione della domanda di finanziamento.

 

Scadenza e presentazione domandeLe domande possono essere presentate a partire dall' 11 maggio 2017 (giorno successivo alla pubblicazione del bando sul Burt) fino al 31 dicembre 2020.

Le domande possono essere presentate solo attraverso una delle seguenti modalità:
 

- tramite interfaccia web Apaci, accedendo con tessera sanitaria attivata oppure previa registrazione (credenziali utente e password) in qualità di Cittadino al seguente indirizzo: http://www.regione.toscana.it/apaci e selezionando come Ente Pubblico destinatario "Regione Toscana Giunta";

- tramite casella di posta elettronica certificata (PEC) all'indirizzo PEC istituzionale della Regione Toscana: regionetoscana@postacert.toscana.it

Ai fini della richiesta di contributo è necessario allegare i seguenti documenti debitamente compilati:
  • la domanda di finanziamento in bollo da 16 euro (allegato 1 del bando)
  • l'atto di impegno unilaterale (allegato 2 del bando )
  • copia del contratto di lavoro / tirocinio / apprendistato all'estero oppure lettera di impegno da parte del datore di lavoro alla stipula del contratto in un paese dell'Unione europea o dell'EFTA diverso da quello di residenza.
  • copia del documento d'identità del richiedente

Le domande presentate sono analizzate dall'ufficio competente del settore Lavoro della Regione Toascana ogni mese e le domande ammissibili vengono inserite, in ordine cronologico, nell'elenco del mese in cui sono pervenute al settore Lavoro stesso.
L'ufficio regionale approva la domanda  entro i 30 giorni successivi all'ultimo giorno del mese in cui è pervenuta e quindi procede a pubblicare il decreto di approvazione dell'elenco complessivo sulla banca atti della Regione Toscana, oltreché sul Burt. La pubblicazione vale come notifica per tutti i soggetti richiedenti. Non saranno effettuate comunicazioni individuali.

 

Contratto di lavoro / tirocinio / apprendistato  deve essere stato stipulato in una data successiva alla data di pubblicazione del presente Avviso sul BURT e dovrà avere una durata non inferiore a tre mesi. Il contratto di lavoro/tirocinio/apprendistato inoltre dovrà essere avviato entro 4 mesi dalla data di approvazione della domanda di finanziamento.

 

Borsa di mobilità professionaleIl bando finanzia borse di mobilità professionale dell'importo massimo di 5.000 euro per lo svolgimento di un'esperienza lavorativa (lavoro/apprendistato) o di tirocinio in un paese Ue o EFTA (Norvegia, Islanda, Svizzera e Liechtenstein) diverso da quello di residenza.


L'importo della borsa è erogato a copertura di quanto segue:

 

1. borsa di inserimento lavorativo differenziata per tipologia di contratto:
  • 500 euro mensili per i soggetti che hanno un contratto di lavoro / apprendistato all'estero
  • 750 euro mensili per i soggetti che svolgono all'estero un tirocinio
La borsa di inserimento lavorativo è erogata per un minimo di 3 mensilità fino ad un massimo di 6 mensilità a seconda della durata del contratto di lavoro/apprendistato/tirocinio.

 

2. spese di viaggio A/R da e verso il paese dell'Unione europea o EFTA diverso da quello di residenza dove si svolge il contratto di lavoro/tirocinio/apprendistato, da rendicontare a costi reali per un importo massimo 500 euro

 

3. spese di iscrizione per la frequenza di un eventuale corso di lingue o corso di formazione in Italia o nel paese Ue o EFTA dove si svolge il contratto di lavoro/tirocinio/apprendistato, per un importo massimo 1.500 euro da documentare a costi reali.

.
Il corso deve avere le seguenti caratteristiche:
  • essere erogato da enti accreditati o riconosciuti dagli organismi regionali o nazionali o internazionali di riferimento.
  • prevedere una durata minima di 30 ore
  • prevedere il rilascio almeno di un certificato di frequenza.

La partecipazione al corso di lingue/formazione è facoltativa, pertanto se il soggetto decide di non richiedere alcun finanziamento per il corso di formazione dovrà tenere conto dei massimali indicati all'articolo 2 del bando

 

Dotazione finanziaria. Il bando ha un budget e per l'attuazione dell'intervento pubblico sono disponibili 4 milioni di euro nel periodo 2017-2020, secondo la seguente ripartizione del Provvedimento attuativo di dettaglio del Por Fse 2014-2020:
  • 1 milione 461.079 euro nel 2017 
  • 675 mila 182,53 euro nel 2018
  • 927 mila .931,82 euro nel 2019
  • 935 mila 806,65 euro nel 2020


Per conoscere tutti i dettagli necessari a presentare correttamente la domanda leggere integralmente il testo del bando e i suoi allegati:

  • bando  (allegato A del decreto 16431/2017) che comprende i seguenti allegati:


Documenti per presentare la domanda di finanziamento

  • domanda di finanziamento  (allegato 1 - formato odt) con allegata, per gli adempimenti connessi alla gestione del Fondo sociale europeo (Fse): domanda di iscrizione debitamente compilata nelle parti pertinenti e firmata


Documenti per presentare la domanda di rimborso

Per saperne di più  scrivere a

Tags: -