unionevaldera@postacert.toscana.it
Unione Valdera

Bientina | Buti | Calcinaia | Capannoli | Casciana Terme Lari | Fauglia | Palaia | Pontedera

Piscina pubblica/privata aperta al pubblico/gioco acquatico. Traserimento di sede

Individuazione contrai/espandi

Descrizione regionale

 La normativa regionale definisce la piscina come un complesso attrezzato per la balneazione che comporti la presenza di uno o più bacini artificiali utilizzati per attività ricreative, formative e sportive.

Questa scheda trova applicazione per le piscine pubbliche-privata aperta al pubblico e gioco acquatico.

Il trasferimento dell'attività è soggetto a titolo autorizzativo.

Requisiti contrai/espandi

Requisiti soggettivi

-Essere titolare dell'attività

Requisiti oggettivi

 -Localizzazione in una Zona nella quale è consentito lo svolgimento dell’attività in base agli strumenti urbanistici;

-Rispetto dei requisiti previsti dalle norme inmateria edilizia, sicurezza, strutturali igienico-sanitarie in materia, in particolare del D.P.G.R. 26.02.2010 n.23/R " Regolamento di attuazione della L.R. 9.03.2006 n.8 Norme in materia dei requisiti igienico-sanitari delle piscine ad uso natatorio.

Con L.R. 27 dicembre 2012, n. 81 (art. 15) è stato modificato l'art. 19 della L.R. 8/2006 "Norme transitorie e deroghe" disponendo che: "1. Le piscine in esercizio alla data di entrata in vigore del regolamen to regionale di cui all’articolo
5 si adeguano alle disposizioni della presente legge e del regolamento regionale entro il termine del 20
marzo 2014".

Con la L.R. 24/12/2013 n. 77 (Legge Finanziaria per l'anno 2014) è stato stabilito che "È opportuno prorogare al 20 marzo 2015, il termine previsto dall’articolo 19, comma 1, della l.r. 8/2006 per l’adeguamento delle piscine in esercizio, in ragione dell’attuale congiuntura economica e della gravosità degli oneri di adeguamento" L'art. 59 della Legge Finanziaria citata dispone in tal senso.

Riferimenti normativi

Requisiti oggettivi

L.R. 9.03.2006 n.8

D.P.G.R. 26.02.2010 n.23/R

Cosa serve contrai/espandi

Come si avvia l'attività: Richiesta di autorizzazione

Modalità di presentazione della pratica le pratiche SUAP possonno essere presentate solo attraverso la piattaforma telematica SU@PWEB.

Documentazione da presentare

Per il trasferimento dell'attività di piscina pubblica/privata aperta al pubblico/gioco acquatico occorre presentare la richiesta di autorizzazione amministrativa con i seguenti allegati:

-relazione tecnica, in originale, in cui si attesta la rispondenza della struttura ai requisiti stabiliti dal Reg. Reg. n.23/R del 26.02.2010 mediante asserverazione di professionista abilitato e contenente:

a) le descrizioni e l'ubicazione della struttura in scala 1:1000;

b) planimetrie e sezioni dei locali in scala 1:100:

c) descrizione degli impianti di trattamento delle acque, degliimpianti elettrici, termici, di ventilazione e di condizionamento dell'aria;

d) il numero ela tipologia delle acque con l'indicazione del numero massimo di bagnanti ammissibili nell'area destinata alle attività natatorie e di balneazione.

-copia doc. di riconoscimento in corso di validità

  • Quando si può iniziare l'attività: al rilascio dell'autorizzazione e comunque decorsi 90 giorni dalla presentazione della domanda
  • Tempi previsti per la conclusione del procedimento: 90 giorni

Quanto e come si deve pagare

  • Marche da bollo: 0.0 euro
  • Contributi/Oneri: 0.0 euro
  • Diritti di istruttoria SUAP: 

Quanto e come si deve pagare

  • Marche da bollo: 0.0 euro
  • Contributi/Oneri: 0.0 euro
  • Diritti di istruttoria SUAP: 0,00 euro